• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

REFERENDUM CACCIA: che fine ha fatto?

Il 3 Giugno, dopo 23 anni di peripezie, il popolo Piemontese si sarebbe dovuto esprimere sulla questione della caccia attraverso un referendum regionale, in caso di vittoria dei “si” ( come noi GC cosigliavamo di votare) si avrebbe avuto:
_ riduzine delle secie cacciabili a 4: fagiani, cinghiali, lepri e minilepri; mentre 25 specie sarebbero divenute protette ( molte delle quali in via di estinzione)
_ divieto di cacciare la domenica, eliminando cosi il rischio di incidenti
_ divieto di caccia su terreno coperto da neve
_ introduzione del limite del numero di animali da cacciare anche nelle aziende faunistico venatorie.
Il presidende della regione l’11 maggio ha firmato un decreto in cui abolisce il referendum sulla caccia utilizzando come motivazione il costo di questa consultazione popolare.
Questa motivazione ci sembra solo una scusa per nascondere la paura che questo referendum potesse concludersi con l’ennesima sconfitta elettorale per il partito del presidente della Regione Piemonte (lega nord, schierata per il no) dopo la batosta alle recenti elezioni amministrative.
Crediamo quindi, essendo il voto popolare il momento più alto di espressione di una democrazia e
di una società civile, che il popolo piemontese debba esprimere la sua volontà (attraverso l’istituto referendario) sulla questione della caccia.

Diego Mazzucco – Coordinatore e responsabile ambiente GC Asti

Annunci

Referendum caccia: I Giovani Comunisti votano SI’ !

Il referendum del 3 giugno 2012 (di nuovo si è persa l’occasione di accorparlo alle amministrative, sprecando altri 4 milioni di euro) non chiede l’abolizione della caccia. Non era possibile richiedere con un referendum regionale l’abolizione di una attività prevista da una legge regionale. Ne chiede però un sostanziale ridimensionamento, fatte salve le esigenze dei settori produttivi che potrebbero subire contraccolpi negativi da una presenza squilibrata di fauna selvatica sul territorio.

I più importanti aspetti del quesito referendario sono:

– Limitazione al numero delle specie cacciabili
– Divieto di caccia nella giornata di domenica
– Divieto di cacciare su terreno coperto da neve
– Limitazione ai privilegi concessi alle aziende faunistico-venatorie

VOTA SI’

Informati su http://www.referendumcaccia.it