• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Prospettiva per il PRC ad Asti

Caro Dottor Gonella,

vorremmo con questa chiederLe attenzione su alcune considerazioni personali che vorremmo rivorgerLe in merito  all’articolo: la “questione morale” spacca Rifondazione, pubblicato il 24 novembre scorso. (vedi subito sotto; il testo continua sotto l’articolo di giornale)

Continua a leggere

Annunci

Punto Rosso di maggio 2011

Prima Pagina

Punto Rosso fa il suo esordio sul blog dei Giovani Comunisti. Vi chiederete cosa sia. Ufficialmente è il periodico della Federazione provinciale del Partito della Rifondazione Comunista ma nell’intento cerca di essere qualcosa di più. Innanzi tutto Punto Rosso arriva da lontano come progetto ambizioso di giornale locale tranciato tantissimi anni fa dai soliti problemi economici della sinistra; poi ha assunto il ruolo che continua ad avere ancora oggi, quello di voce del PRC astigiano. Però vuole essere un luogo dove ci sia spazio per tutta la sinistra alternativa, tutta la sinistra che si muove in quell’ampio spazio, magari inesplorato, che c’è alla sinistra del PD. Come periodico non siamo mai stati chiusi, come d’altra parte come partito, alla collaborazione esterna, alla collaborazione con quella parte sana della società astigiana. Continua a leggere

Antifascismo e Resistenza…per non dimenticare!

Si avvicina il 25 aprile, si avvicina la festa della liberazione dal giogo nazifascista. Troppi personaggi, troppi partiti politici, in questi ultimi anni hanno provato a fare del revisionismo storico su questo evento. Si è cercato di equiparare antifascisti e aderenti alla repubblica di Salò, si è cercato di dimenticare chi era dalla parte giusta, quella della libertà e della democrazia e chi invece da quella della dittatura, delle leggi razziali e dei campi di concentramento per lo sterminio di ebrei, comunisti e omosessuali. Credo che le parole scritte dall’operaio comunista Eusebio Giamboni, la notte prima della sua esecuzione, da parte degli sgherri fascisti, siano esemplificative e ci debbano far riflettere. Continua a leggere

Galvagno, le opposizioni e la guerra

Ieri sera, faticosamente, anche grazie alla collaborazione dell’opposizione consiliare, qualche cosa si è ottenuto. L’asse portante, naturalmente, è stata la mobilitazione, in primis quella facente capo al coordinamento Asti est e alle famiglie occupanti di via Allende e via Orfanatrofio, ma anche quella dei compagni e delle compagne di Rifondazione Comunista, della Federazione della Sinistra e della Casa del Popolo. Il parziale successo, le parziali risposte sul tavolo delle emergenze e sugli aumenti delle tariffe comunali, va difeso ed è stato ottenuto solo grazie alla forte mobilitazione. Sappiamo della capacità di questa maggioranza di scappare e di tergiversare sugli impegni presi. Solo se le associazioni e i partiti presenti ieri sera sapranno mantenere alto il livello di mobilitazione potremo sperare di ottenere qualche risultato concreto. Continua a leggere

Il muro di gomma

Ieri sera si è tenuta una manifestazione, indetta da varie organizzazioni (tra le quali Rifondazione Comunista), per esprimere il malessere sociale presente in ampie fasce della popolazione. Si voleva far emergere sia la situazione di emergenza abitativa, sia il disagio per gli effetti della crescente disoccupazione dovuta alla crisi che ormai travolge anche il cosiddetto ceto medio. Risulta sempre più evidente la disparità dei redditi e quanto peso abbia assunto oggi l’evasione fiscale (anche a causa dell’atteggiamento ‘lassista’ del Governo). Non meglio si comportano la Lega e il PDL locali che sono incapaci di criticare Berlusconi e pretendono di fornire risposte esclusivamente di “ordine pubblico”: nessuno sforzo o trattativa di fronte a bisogni reali; solo sgomberi e polizia. Continua a leggere

Il NO al diktat ed il SI ad un impegno concreto e costante dei comunisti.

1931 PCI Congresso clandestino di Colonia conclusioni di Ruggero Grieco

“Non crediate, compagni, che solo perchè sentiamo di aver ragione, ciò sia sufficiente perchè il proletariato italiano e le masse lavoratrici in genere si mettano al nostro seguito. La conquista della maggioranza del proletariato e della direzione della lotta rivoluzianaria è il risultato del lavoro politico del partito comunista durante decenni, lavoro condotto in ogni situazione, sotto i colpi feroci dell’avversario che non ci dà tregua, ripreso ogni giorno, con ostinazione, inflessibilità e a volte eroismo………E’ da dieci anni che sentiamo ripetere che il comunismo è morto e seppellito: lo ripetono i dirigenti fascisti e la gente dell’antifascismo democratico e della socialdemocrazia: ditelo voi, compagni, se la razza dei comunisti, tenace perchè sorge dalla classe operaia, possa essere distrutta dalla ferocia e dalla stupidità degli avversari.”

Da queste parole di Ruggero Grieco vorrei partire per alcune brevi considerazioni sul voto di Mirafiori.

Continua a leggere

Nessuno dorma in strada! Pranzare & lottare!

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA

Federazione Provinciale di Asti

Via Garetti, 65/67   cap:   14100 – ASTI           telefono:   0141  349 70

www.prc-asti.org E-mail:  rifondaasti@virgilio.it C. F. 92023790055

 

Il Coordinamento Asti Est denuncia da tempo l’insensibilità umana e sociale di Verrua e della Giunta Galvagno. L’Assessore ai Servizi Sociali (sono previsti ingenti tagli di bilancio nel suo settore, già fragile) è sempre stato chiaro . Dormitorio pubblico di cui, peraltro, è prevista la chiusura. Verrua ha dichiarato in Consiglio Comunale che nessun cittadino – ancorché sfrattato – dorme finora sotto i ponti.

<Ma se questo è vero – dice il Segretario del PRC, Massimo Di Antonio – lo si deve solamente alle pratiche di disobbedienza civile messe in atto da alcune famiglie: non è stato certo il suo impegno ad evitare questo esito; anzi. Egli si comporta eludendo i problemi; gli stranieri tornino a casa loro, gli indigeni se sono poveri è colpa loro che non hanno ‘intraprendenza’ … >. <Rammento – aggiunge – che, in Italia, il 5% di coloro che anno contratto un mutuo casa, non riescono più a pagarlo; a causa della crisi rischiano di vanificare anni di sacrifici, altro che ‘audacia’ …>.

Rifondazione Comunista vuole riconoscere la valenza sociale e politica di chi ha saputo “prendere in prestito” immobili pubblici inutilizzati (Via Allende e Via Orfanotrofio) per denunciare il problema alla città e ai suoi amministratori. Invita le Associazioni ed i cittadini ad apprezzare, condividere e solidarizzare con questo metodo di lotta non violenta.

<Da parte nostra – aggiunge Nicolò Ollino, dei Giovani Comunisti – abbiamo deciso di offrire un pranzo a queste famiglie in difficoltà: ci auguriamo sia di buon auspicio per il 2011. Non ci si può piegare di fronte a questo stato di cose – prosegue –; pertanto il 30 Dicembre allestiremo un momento di serena convivialità, in collaborazione con il Centro Culturale San Secondo e le Cooperative La Strada e No Problem.

L’Ufficio Stampa PRC-SE

 

Pranzare & lottare Continua a leggere