• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

  • Annunci

Se Cuba corregge l’economia e i nostri riformisti si adontano lo stesso

Latinoamerica n. 112, n.3, lug/set 2010

Anche Cuba, per quanto isolata da un iniquo blocco economico imposto 50 anni fa dagli Stati uniti, soffre per la brutale crisi causata dalle malversazioni della finanza e dell’economia capitalista, anzi ne soffre di più perché spesso, per procurarsi quello che serve per vivere è obbligata a fare complicate triangolazioni con altri stati, triangolazioni che finiscono per far costare ogni cosa più del dovuto. Cuba è anche reduce da due uragani che l’hanno costretta, negli ultimi due anni, a ricostruire pezzi interi del paese. Continua a leggere

Annunci

L’importanza del nostro simbolo

Tempo fa, durante un pranzo con dei colleghi, è uscita un’interessante discussione: cosa rappresenta il nostro simbolo (falce e martello) nel 2011?
Per molti, tutti non certamente pidiellini, anzi, questo simbolo sarebbe da abolire: troppo è il dolore causato in alcune regioni del mondo che hanno subito un regime cosiddetto comunista.
Io credo che la storia di questo simbolo, in Italia, sia un’altra: valori legati alla resistenza, valori legati alle lotte per le classi operaie, prima, durante e dopo la guerra. Quanto è importante mantenerlo ancora al giorno d’oggi? È giusto “seguire la corrente” e magari privarsi di un qualcosa che ci appartiene, in quanto molto probabilmente percepito da parte (forse, buona parte) della gente come vetusto, se non inutile e anzi, a volte pure negativo? Continua a leggere

Moderatismo VS estremismo cap. I

Quante volte abbiamo sentito dire “no no io non sono un’estremista!” (lungi da me!) “Io sono un moderato, gli estremismi sono tutti sbagliati!”. Estremista di che? Rispetto a che? E moderato che diavolo vuol dire? Sono sicure queste persone che sia il moderatismo la giusta soluzione a questa situazione impastata e brutta, anticostituzionale e per certi versi eversiva, che sta vivendo l’Italia?

Quante risposte mi tocca dare. Ci chiamano estremisti quasi ad esorcizzare un male strano ed esotico dalle loro menti! L’estremismo, cioè la nostra azione politica per come la vedono loro, porta a qualcosa di male e destabilizzante secondo i più, qualcosa da allontanare e sicuramente da non premiare mai con il proprio voto, figurarsi con la militanza. Continua a leggere