• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Prospettiva per il PRC ad Asti

Caro Dottor Gonella,

vorremmo con questa chiederLe attenzione su alcune considerazioni personali che vorremmo rivorgerLe in merito  all’articolo: la “questione morale” spacca Rifondazione, pubblicato il 24 novembre scorso. (vedi subito sotto; il testo continua sotto l’articolo di giornale)

Continua a leggere

Annunci

NON CANCELLATE 25 APRILE, 1 MAGGIO E 2 GIUGNO. FIRMA ANCHE TU!

FIRMA ANCHE TU!

Care cittadine e cari cittadini,

nel Decreto legge in materia economica, approvato di recente dal Consiglio dei Ministri, è prevista una norma con la quale si vorrebbe modificare la collocazione temporale di tre festività civili e laiche (fra l’altro, le uniche) per spostarla in un altro giorno (venerdì o lunedì) o per accorparla con la domenica.

In un provvedimento iniquo, e che noi contrastiamo con forza, si colloca così anche una norma che colpisce l’identità e la storia del nostro Paese, ne indebolisce la memoria e rappresenta un grave limite per il futuro. Continua a leggere

FIAT, Italia (una volta…)

Ma cosa si guarda quando si compra un’automobile?

Vediamo: il costo? Il consumo di carburante? La bellezza e la praticità del modello? Gli accessori?

O c’è qualcuno che chiede al concessionario il contratto di lavoro dei dipendenti della casa automobilistica???! (Oddio, forse bisognerebbe incominciare a farlo. Magari non tanto per le automobili quanto per altri  generi di consumo, es. abbigliamento, giocattoli…. dove si finirebbe per scoprire che certi prezzi imbattibili si reggono solo e soltanto su condizioni di lavoro schiavistiche, sullo sfruttamento dei bambini, sull’inquinamento senza regole e ad altre consimili amenità. Comunque, in genere, non si indaga.).

Ora, sembra che ai dipendenti Fiat di Pomigliano e di Mirafiori (gli altri seguiranno) sia richiesto di peggiorare drasticamente le loro condizioni di lavoro se vogliono mantenere il posto. Ma il loro Continua a leggere

Appello alle forze di sinistra sulla vicenda FIAT

Cari compagni e compagne, l’accordo separato firmato con la Fiat su Mirafiori rappresenta una svolta di enorme gravità nella storia del paese e non può essere considerato una questione sindacale. Non rappresenta solo la demolizione dei diritti sanciti da leggi e Contratto Nazionale. Non prevede solamente un netto peggioramento delle condizioni di lavoro in fabbrica. Il dictat di Mirafiori disegna un ruolo per i sindacati e i lavoratori che è in radicale contrapposizione al quadro di regole stabilite dalla Costituzione repubblicana. L’unica sovranità riconosciuta è quella dell’azienda, da cui tutto promana, compresa la possibilità dei lavoratori di vedere riconosciuta una propria rappresentanza sindacale. Si tratta di una logica opposta all’impianto costituzionale che tutela i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, che garantisce la libertà di associazione sindacale e che – in generale- basa la democrazia su un bilanciamento tra i poteri. E’ del tutto evidente che l’offensiva di Marchionne e quella di Berlusconi non sono che le due facce della stessa medaglia. E’ del tutto evidente che questa offensiva congiunta punta allo scardinamento costituzionale e ad un vero e proprio cambio di regime. E’ la Repubblica nata dalla resistenza e fondata sul lavoro che è messa in discussione da queste iniziative. Non si tratta di una questione sindacale ma politica.
Per questo ritengo necessario appellarmi a voi per costruire una risposta unitaria immediata. Per questo vi propongo di condividere e costruire unitariamente iniziative di informazione e mobilitazione, per questo vi propongo di fare unitariamente un appello alla CGIL affinché venga proclamato al più presto lo sciopero generale. Non si può scaricare sulle spalle dei lavoratori della Fiat il peso di un attacco che è generale e non si può stare a guardare di fronte ad una offensiva eversiva che ha un unico precedente nel nostro paese: l’avvento del fascismo.

Paolo Ferrero
Segretario Rifondazione Comunista

 

Collegato Lavoro, cap. II: Parere della CGIL Asti; a chi rivolgersi nella nostra Provincia?

 

Volantino che la Cgil distribuirà in tutti i posti di lavoro.

“Sul volantino ci sono sia dei riferimenti telefonici che mail, che sono già in grado di dare delle risposte e di fissare appuntamenti. Continua a leggere