• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Resistenza NO TAV

Mentre Fassino ricorda la Resistenza dopo 65 anni, c’è chi la Resistenza la fa, oggi, sulla propria pelle come 10 anni fa a Genova.

Oggi a Chiomonte in Val di Susa 100.000 persone hanno sfilato per kilometri per far capire al governo che la Tav non la si vuole. Le bandiere più presenti erano ovviamente le No Tav seguite poi da Movimento 5 stelle e Federazione della Sinistra.

Ovviamente nei tg  e sui giornali non si parla minimamente dei fatti ma solo sui fatti. Si condannano quindi gli scontri senza dire perché si sono verificati.  Si dimentica di dire che 100.000 persone hanno partecipato alla manifestazione. Non ci si pone neanche il problema della Tav.

E i commenti della politica?

Ferrero e Grillo gli unici presenti alla manifestazione e gli unici con parole di solidarietà per i manifestanti. Il discorso di Grillo a Chiomonte  mi è parso solo un tirare acqua al suo mulino.

SeL, PD, PdL e Lega Nord unanimi (come per la questione Tav, tranne SeL) nel condannare la violenza dei manifestanti ed a schierarsi dalla parte delle forze dell’ordine. Ma le manganellate degli agenti non sono violenza? Siete mai stati in mezzo ad un fumogeno? Dopo due boccate ti sembra di morire. Non riesci a respirare, non riesci a tenere gli occhi aperti dal male e ti sembra di avere la faccia in fiamme. Oggi, da spettatore, ho vissuto per due volte questi momenti. In più occasioni ho visto gente scappare da fumogeni lanciati ad altezza d’uomo. Questa è violenza brutta e cattiva.
Ricordo che quella dei manifestanti è una reazione alla militarizzazione della valle.

Per chi non lo sapesse, o non lo volesse capire, gli scontri sono nati perché delle persone volevano riprendersi la loro terra e poter decidere del loro futuro.

Queste persone sono, per me, nient’altro che Partigiani.

Luca Rondoletti.

A seguire qualche immagine.

Continua a leggere

Grillo e Movimento 5 Stelle: che fare?

L’antipolitica, specialmente dopo Tangentopoli, ha trovato terreno fertile in Italia.
Molti hanno provato a cavalcarla, in passato, con risultati spesso soddisfacenti: l’MSI lo ha fatto, in passato, così come il Fronte dell’Uomo Qualunque. La stessa Forza Italia, e il berlusconismo tutto, cercano quantomeno di non andare contro la classica frase “sono tutti uguali”: a chi è il peggio, fa molto comodo dire di non esserlo.
In tempi recenti il comico genovese Beppe Grillo ha, con un successo strabiliante, adottato la stessa strategia, seppure con intenzioni a mio avviso migliori. Continua a leggere

Tutto è politica

Nel video dell’articolo precedente Tony Blair si riferisce all’Italia dicendo:

“Smettetela di parlare di scandali. Parlate di politica. ”
Crozza replica che non si può fare politica con un capo del Governo così.
Ma berlusconi fa politica. In questo modo subdolo. con il suo personaggio. con il suo potere…

Continua a leggere