• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Viva la scuola pubblica!

Io, Federico Gasparetto, studente del liceo Linguistico Statale, ho partecipato a questa manifestazione, come altri miei coetanei, per gridare che anche noi crediamo nella scuola pubblica. Ci crediamo perché la viviamo, la stiamo costruendo noi. Passiamo la maggior parte della giornata con i professori, che nonostante i continui attacchi del Presidente del Consiglio, continuano a impegnarsi nel loro lavoro. Professori che malgrado i tagli della riforma Gelmini continuano a dare importanza alla loro professione; professori che credono dell’insegnamento come mezzo per formare cittadini liberi, coscienziosi ma soprattutto cittadini liberi!

Noi studenti sosteniamo questa scuola pubblica, crediamo davvero che sia il giusto percorso per raggiungere i nostri obbiettivi.

Sosteniamo questa scuola perché siamo parte integrante, la stiamo migliorando giorno dopo giorno, attraverso attività sportive, culturali. Un esempio ne è la cogestione, uno splendido momenti di incontro tra professori e studenti.

Sosteniamo una scuola che ci permetta di esprimere noi stessi, di sviluppare le nostre capacità indipendentemente dal nostro potere economico. Sosteniamo una scuola pubblica che permetta a tutti di crescere e di migliorare le proprie qualità.

È giusto credere nella possibilità di realizzare se stessi, di costruire con le proprie mani il proprio futuro, ma, differenza di come dichiara il Presidente del Consiglio, bisogna considerare la scuola pubblica uno dei mezzi principali per il raggiungimento di questi obbiettivi.

Vogliamo gridare contro i continui insulti alla nostra preparazione, perché siamo stanchi di essere considerati vittime di insegnanti non democratici e faziosi. Non siamo stati costretti a frequentare una scuola pubblica, perché la scuola di stato è una nostra scelta, una scelta delle nostre famiglie!

Una scelta che non rimpiango perché non ho mai trovato un insegnante dedito all’indottrinamento politico e ideologico; al contrario ho trovato persone impegnate nella formazione della persona e della mia coscienza.

Voglio concludere citando un professore, cantate e poeta, come dice Vecchioni “La scuola pubblica regala cittadini liberi”

Federico Gasparetto, resp. gruppo scuola GC Asti

Annunci

5 Risposte

  1. […] la lettura con la fonte di questo articolo:  Viva la scuola pubblica! « Giovani Comunisti di Asti Articoli correlati: Giovani Comunisti di Pistoia: assemblea pubblica scuola […]

  2. Ahah! Perche nn ti sei presentato come gc?!??!?!?!?!?!? Mannaggia a te!!!!!

  3. Dai Edo si è firmato come GC!

    Aggiungo anche che la scuola è un diritto di tutti. Oggi che questo diritto è così attaccato bisognerebbe lottare strenuamente per difenderlo. Purtroppo non tutti certe cose le capiscono. Noi faremo il nostro ed anche di più.

    Mega-terremoto in Giappone, una scossa talmente violenta che i danni agli edifici scolastici sono stati stimati in 2.5 riforme Gelmini. (Fabrizio Bartoloni)

    Sulla scuola ci sono anche molte critiche da fare che tengo per un post futuro 🙂

  4. Sono pela squola privata che sembre mi ho trovato bene da esse.
    ale squole pubblice ti imparano il comunismo e ofendono Gesù e la patria e la famila.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: