• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Nucleare: mentitori contro ipocriti

Mentitori:
Stefania Prestigiacomo: Il nucleare è sicuro!
Il nucleare è sicuro, parola di Veronesi
Fulvio Conti (enel): “Il nucleare è sicuro e pulito”

Ipocriti:
Formigoni, Zaia, e Palese:”Nucleare si ma da noi no”
Polverini:”Nè io, nè Cota, né Formigoni vogliamo il nucleare”
Cota:”Una centrale nucleare pulita in Piemonte e’ meglio che una vecchia in Francia”

In Giappone dopo un terremoto di magnitudo 8.9 ed uno tsunami, una centrale è a rischio. In Italia una scossa di 6,2 ha tirato giù mezzo Abruzzo ed un ospedale praticamente nuovo.

Detto questo si sa che le centrali nucleari producono scorie altamente tossiche (è meglio non berle) che rimangono pericolose in eterno. Forse qualcuno ha già pensato a dove stoccarle.

Se qualche ingenuo si stesse scervellando sul perchè questo governo voglia fare una scelta del genere può anche smetterla. Non conviene a nessuno se non a chi andranno gli appalti per la costruzione delle centrali. Sono miliardi di euro che i potenti di turno non si vogliono far scappare. Al contrario eolico e fotovoltaico sono investimenti sicuri e puliti.

Luca Rondoletti

Annunci

24 Risposte

  1. premetto che anche io sono contro il nucleare, volevo però fare alcune domande riguardo al come produrre energia.
    parlando con mio padre, mi sono accorto che c’è un punto debole del NO al nucleare: il fatto che le energie rinnovabili (come fotovoltaioco e eolico) non posso, almeno per adesso, coprire tutto il fabbisogno italiano. questo per un semplice motivo, per quanto riguarda il fotovoltaico produce energia solo di giorno e l’energia elettrica (la maggior parte)ti serve di sera. considerando che il petrolio terminerà dobbiamo trovare un’alternativa che dia sicurezza.
    con questo però NON volgio dire che sono a favore del nucleare, poichè in Italia non c’è la cultura della sicurezza, c’è (come dice Luca) un giro di affari che comprometterebbe la costruzione di centrali sicure e affidabili.

    • Ottima osservazione.
      Oggi la maggior parte dell’energia prodotta in Italia arriva da centrali termoelettriche (che bruciano petrolio). Tutto il nostro sistema dipende da questo.
      L’energia eolica e fotovoltaica di sicuro non può coprire il fabbisogno però permette di alleggerire la produzione via petrolio. In questo modo si riducono le emissioni di CO2 e si rimanda il problema energetico.
      In futuro si dovrà pensare per forza ad un alternativa. Adesso però la cosa migliore è puntare su eolico e fotovoltaico.

  2. Beh, intanto se ogni casa e palazzo, avesse un sistema di pannelli solari, andrebbe almeno in pari, con quello consumato, perche l’energia del fotovoltaico si accumula.. Se tutta l’energia che viene ad esempio accumulata al mattino, non viene consumata, è automaticamente consumata la sera. In piu tutti i capannoni potrebbero riempire i tetti sempre di pannelli, e rivenderla all’enel. Per le industrie capisco la difficolta di rispondere al fabbisogno giornaliero. Pero vorrei sottolineare che a tempi brevi sicuramente non risolverebbe il problema neanche il nucleare, perche prima che costruiamo delle centrali che funzionino, impiegheremmo anni, e a rientrare dei costi ne passerebbero ancor di piu. Credo invece che ricerca sulle fonti rinnovabili, diverse dal nucleare possano avere risultati migliori.. o almeno ci spero… 😉

    • Sono d’accordo con Edo: l’energia derivante dalle rinnovabili come il solare si può accumulare ed essere usata anche durante la notte. E per l’eolico… il vento c’è anche di notte 😉 aha

      Io poi mi chiedo una cosa: ma all’elettore medio PDL/Lega va bene il nucleare?! Sappiamo cosa ne pensano i vertici nazionali cioè che lo vogliono e basta e poi sappiamo cosa ne pensano i vertici locali cioè che lo vogliono ma lontano da loro e non nella loro regione/provincia. Ma i semplici elettori?!
      Riproposta la domanda in altri termini: questa tendenza nuclearista del centro-destra rischia di trasformarsi in un boomerang elettorale per Berlusconi e soprattutto per la Lega?

    • E sta cippa che si accumula.
      L’unico difetto dell’energia elettrica è che non può accumulare.
      L’unico modo per farlo è tramite batterie. Però si tratterebbe di immagazzinare una altissima quantità di energia. I costi sarebbero enormi.
      l’eolico certo si potrebbe usare anche di notte e costa anche meno del fotovoltaico.
      é importante ricordare anche che l’eolico conviene produrlo poco ed in più punti che tanto in un unico punto. Cioè non pale giganti ma tante piccole pale sopra ogni casa, ovviamente dove tira vento.
      E quando piove e tira vento…

  3. Anche io sono pienamente d’accordo con Edo..in più una volta avevo sentito che non si vogliono mettere pale eoliche perché deturpano il paesaggio.Ora..perché una centrale nucleare cosa farebbe? Inoltre in altri paesi sono molto utilizzate senza problemi e a mio modesto parere sono anche belle da vedere. In Spagna per esempio ne ho fotografate molte,come i campi di pannelli solari. Non vedo quale sia il problema ad utilizzare le fonti rinnovabili anche in Italia.

    • Sai qual’è la cosa veramente triste? Che in Italia si riesce a speculare e fare merdate pure con le pale eoliche! Ora non voglio fare il saputello ma pensiamo al caso Cappellacci-Verdini in Sardegna che ci facevano una gran cresta sull’eolico. E in Puglia ci sono molte pale, ma molte sono… ehm… ferme?

      Poi la penso come te: non sono il massimo da vedere? E sti cazzi, almeno non inquinano e tolti produzione iniziale e manutenzione non costano… In Germania intere cittadine vivono quasi solo di eolico e fotovoltaico, e stanno molto meglio di noi in molti sensi.
      Una cosa che proprio non vorrei vedere sarebbe la guerra tra animalisti/ambientalisti e quelli che vogliono le rinnovabili… sarebbe veramente triste…

  4. Si infatti..il fatto è che non ci vengano a dire che se non vogliamo le centrali nucleari non pensiamo al futuro del paese..perché non hanno argomentazione per demolirci la tesi dell’utilità delle fonti rinnovabili.

  5. Cippo, capisco che ti piacciano le cippe, ma guarda ke nn consumi solo l’energia che immagazzini sul momento eh! Io conosco una famiglia che i pannelli solari, e accumula l’energia, tanto da venderne addirittura un 30% all’enel… e tipo invece di spendere all’anno si prende 300€ ( mi pare..) dall’enel che gli paga l’energia che loro accumulano..

    • L’energia in più se la piglia l’enel e te la paga su questo non ci sono dubbi.
      Però l’enel non l’accumula, la distribuisce subito.
      Capit? o hai qualcuno in sud africa che ti manda la corrente dei suoi pannelli se no cu’ cazz.
      L’unico modo per accumularla sono le batterie ma costano cifre spropositate.

      Un modo per accumularla che ho pensato io potrebbe essere:
      l’energia che avanzi dai pannelli la usi per produrre idrogeno e alla sera attacchi un generatore ad idrogeno. Tipo i generatori dei banchi del mercato però ad idrogeno. Questa cosa mi è venuta in mente però non so quanto sia conveniente produrre idrogeno con l’elettrolisi.

      E poi non mi fiderei a tenere dell’idrogeno in casa visto che a contatto con l’aria esplode.

  6. Beh io sono nettamente contro…non solo perchè c’è il rischio dell’esplosione…evento che chi è a favore ritiene improbabile dato l’avanzamento delle tecnologie e cagate varie…ma più che altro per le scorie che si vengono a creare…per come è fatto l’uomo rischiamo di cominciare a spedirli nello spazio e a inquinare pure quello -.-….e soprattutto a chi dice che non pensiamo al futuro…secondo me dovrebbe capire che l’energia nucleare, per l’appunto come dicevo prima, crea scorie…e se non volerle non è pensare al futuro non so proprio cosa intendano loro allora -.-…..

  7. Ho letto un po’ a sprazzi, provo comunque a dire la mia come ambientalista.
    Penso che il nucleare non sia la strada giusta da percorrere e il petrolio non rappresenta il futuro.
    Penso che l’energia idroelettrica e il solare, oltre che ad un ottimizzazione dei consumi, siano il futuro.
    Occorre però puntare all’autosufficienza di ogni unità abitativa con il fotovoltaico e il riscaldamento geotermico(dove possibile).
    Sull’eolico sono molto contrario visto i danni che fanno all’avifauna e nell’impatto ambientale

    • Si Enrico, è quello che pensiamo anche noi, rimane pero la questione industrie, a cui non si puo rispondere solo con qlk pannello fotovoltaico da piazzare sul tetto, perche sappiamo che non basterebbe mai..

    • Di geotermico non me ne intendo.
      Per quanto riguarda l’eolico bisogna puntare sulla piccola produzione ma diffusa. Come dicevo prima pale piccole dappertutto. Gli impianti enormi hanno dei problemi in caso di venti troppo forti. Che problemi dà agli uccelli?

      Eolico e fotovoltaico però non bastano a coprire il fabbisogno elettrico perchè non sono controllabili:
      Non è che puoi alzare il vento o accendere il sole.

      C’è per forza bisogno di un’energia di questo tipo com’è adesso il petrolio ed il nucleare. Il nucleare oltre ai mille difetti detti prima ha anche quello che non puoi staccarlo:
      Di notte la centrale nucleare non la puoi spegnere. Per questo la francia di notte ci svende l’elettricità. ne produce più di quanta ne consuma.

  8. Chiederei una cosa su un tipo di energia che nessuno ha ancora citato: le biomasse, quindi creare energia sotto forma di gas ottenuto smaltendo rifiuti organici.
    La mia conoscenza sull’argomento, come capite, è estremamente rudimentale. Ricordo però che avevo seguito su Presa Diretta una puntata che mostrava come un impianto a biomasse garantisse buona parte di energia per tutte le 1500 abitazioni intorno, e come materia prima utilizzava i rifiuti organici di ristoranti e abitazioni.
    Qualcuno ne sa di più?

    • Si possono anche utilizzare residui agricoli…dalle nostre parti non mi ricordo bene dove…mi informerò meglio…esiste un’azienda agricola che riesce a sostenere più della metà del proprio fabbisogno energetico attraverso l’utilizzo di letame o residui di sfalci….ed è davvero una valida alternativa…inoltre si dovrebbe poter utilizzare anche l’energia geotermica….che in zone del sud dove sono presenti è possibile usare questo sistema, credo sia una possibilità concreta…

    • Con le tue scorregge puoi andare avanti per 15 anni!

      Non sono informato.

  9. Tuttavia, in tutte queste polemiche, non si considera che in fin dei conti il nucleare ce l’abbiamo già ad una distanza non poi così rassicurante (Francia).

    Italiani fregati! 😉

    • ma ricordiamoci che li sono francesi, di nazionalità e di mentalità. Qua in Italia non abbiamo la mentalità e la cultura della sicurezza, come già ricordava qualcuno.
      Poi per la carità, se deve saltare salta la salta qua è pressochè uguale… ma io penso, forse pessimisticamente, che se qua diamo il nuke in mano a mafia, appaltatori evasori e che pensano solo ad arricchirsi, gestori collusi o fantocci messi li… beh forse il rischio portato dal nucleare si moltiplica per x volte e ciò non è affatto bene.

    • Si però un conto è avere delle centrali vicine ed un conto è farne di nuove in casa.
      Ricordiamo anche che parte della nostra energia arriva dalle centrali nucleari francesi.

      Veronesi “L’incidente nucleare in Giappone è stato causato da errore umano”. Sì, quello di costruire centrali nucleari. (Elisabetta Orosei)

  10. Vero, vero, concordo.
    Volevo solo mettervi un po’di strizza a gratis 😀

  11. Inoltre c’è da dire che la pericolosita di una fuoriusciuta radiottiva è inversamente proporzionale al quadrato della distanza.. quindi se la centrale francese scoppiasse i danni sensibili arriverebbero fino alla valle d’aosta, pero comunque minimi. Se Scoppia quella di trino, in valle d’aosta forse arrivano gli stessi danni, pero quelli piu forti sono da noi, non in francia. Quindi è abbastanza sensibile la differenza tra averle in francia, e averle a casa nostra..

  12. Un inciso: l’acqua radioattvi di Tokyo è molto più leggera delle scorie ma è meglio non berla comunque. Sai che calcoli ti vengono dopo?

  13. Concentrarsi sulla “campagna referendaria” quotidiana, quando parliamo con la gente, con amici e parenti. Occhio ad avere argomenti convincenti e precisi, numerosi direi tra i tanti che abbiamo a disposizione. Occhio alle fregature, occhio ai tranelli.
    Ad esempio. La moratoria del governo? Un trucco! Non lasciatevi ingannare, al referendum si va a votare tutti e più convinti che mai. Cercheranno in ogni modo di boicottare questi referendum, il nucleare in particolare, che dopo l’effetto Giappone dei tre sarà quello trainante. Con un effetto sperato dal governo: meno gente va a votare contro il nucleare, meno gente va a votare contro il legittimo impedimento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: