• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Di Antonio (Segr. PRC/FdS Asti) risponde alla lettera sulla Stampa di Scaiola (Coord. Mgp/Lega Nord Asti)

articolo apparso su La Stampa del 06/03/11

risposta:

“Virtuosi” in Regione e spendaccioni a Roma

Ho letto con interesse le considerazioni e le lezioni che ci impartisce il coordinatore dei Giovani Padani Davide Scaiola.

Dall’alto della sua saccenza e presunta competenza ci impartisce lezioni sul modo di fare opposizione.

Colpiti da onnipotenza “berlusconiana”, chi va con lo zoppo impara a zoppicare, ci rende edotti in quale modo costruire un’opposizione seria e propositiva…insomma un’opposizione prona ai voleri della maggioranza, proprio quel tipo di opposizione che non è nel DNA del PRC- Federazione della Sinistra.

Ci consiglia di unirci per poter essere più efficaci e per far risparmiare i Piemontesi, dimenticandosi di quando anche loro, la monolitica Lega Nord, in molte occasioni e molte regioni, sono stati gruppo formato da un unico consigliere…per loro non vale la regola del risparmio? Hanno mai pensato in questi casi di unire il loro gruppo con quello delle altre forze di opposizione? No, hanno sempre rivendicato ed affermato con forza la propria identità e diversità. Non è anche un nostro diritto? O forse i seguaci del trio Bossi, Cota, Borghezio vogliono sopprimere questo diritto?

Ma la lezione politica del giovane Scaiola è nulla rispetto alla lezione economica che ci impartisce. La sinistra con i suoi “cespugli” è costosa, pesa sulle tasche dei Piemontesi per ben 1.058.180 euro (Scaiola dimentica che anche il centrodestra ha un paio di gruppi uniconsiliari: i verdi-verdi e il partito dei pensionati…questi non costano?).

Non sprechiamo i soldi della comunità, poffarbacco!!!

Peccato che la richiesta di virtuosità del giovane padano abbia ben altri riscontri a livello nazionale. Che ne pensa il giovane Scaiola della decisione del suo Ministro degli Interni Roberto “Bobo” Maroni, leghista della prima ora, di non accorpare le elezioni Comunali con i quattro quesiti referendari su acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento? Quanto ci costa questa decisione….praticamente nulla circa 300 milioni di euro. Bazzecole rispetto alla cifra esposta da giovane virgulto padano!

Ma cosa saranno mai 300 milioni di euro rispetto agli interessi dei grandi gruppi industriali nei business dell’acqua e del nucleare? Cosa saranno mai questi pochi milioncini rispetto alle necessità processuali del leader maximo del centrodestra Silvio “papi” Berlusconi? Semplicemente nulla…ed allora mi viene in mente la riedizione di un vecchio slogan leghista “ROMA LADRONA LA LEGA ORMAI PERDONA”

Massimo Di Antonio –Segretario PRC/FdS di Asti-

Annunci

5 Risposte

  1. L’ora è tarda ed il vino si fa sentire.
    Che bello iniziare così!
    Siccome si suol dire “vino veritas” rispondo un po’ a tutti.

    Le mie prime argomentazioni nascono tutte dal fatto che siamo in un paese democratico:

    @Massimo:
    1) Siccome siamo in un paese democratico è giusto che il voto del referendum siano separato dal voto delle amministrative. Sono due cose diverse che necessitano di voti disgiunti. La democrazia ha un prezzo.
    2) I processi di Papy seguiranno l’iter processuale che richiede.

    @Sky:
    1)Siamo in un paese democratico quindi chi viene votato viene eletto se non ti è chiaro dovresti vedere la costituzione.
    (Com’è che critichi il risultato e non il sistema elettorale che vi fa tanto comodo?)
    2)Dovresti pensare anche a cosa fa il tuo partito visto che ha proposto una legge (federalismo) che è una porcata come tutte le vostre precedenti (vedi Calderoli).
    3)Prima di criticare la democraticità delle elezioni guarda cosa fa il tuo caro Cota:
    http://www.giornalettismo.com/archives/80540/piemonte-cota-parentopoli-regione/
    “ROMA LADRONA LA LEGA ORMAI PERDONA” mi sembra più che azzeccato.

    Tutto questo pensando ad uno stato democratico. Siccome secondo me di democrazia c’è ben poco passiamo al resto:
    a) L’articolo citato è tratto da La Stampa?
    Com’è che con tutta la merda che c’è in giro si perde tempo e spazio per pubblicare un articolo del genere? Evidentemente qualcuno ha agganci giusti per farsi pubblicare che altri non hanno.
    E’ democrazia questa?

    b)Quella che credo sia La Stampa pubblica un articolo in cui un esponente del partito a capo della regione critica la democraticità delle elezioni.
    Ha senso questa cosa?
    (Elezioni vinte non si sa con quali sotterfugi)
    E’ democrazia questa?

    c)Sto Papy ce lo vogliamo levare dalle palle per poi pensare ai problemi dei lavoratori? Oppure dobbiamo continuare ad avere un Presidente del Consiglio con mafiosi come stallieri, corruttore, evasore fiscale e puttaniere di minorenni?
    E’ democrazia questa?

    Non è democrazia se non te lo puoi permettere!!

    Potrei andare avanti per ooore ed ooore ma non ho voglia, Buonanotte!

    • “Siccome siamo in un paese democratico è giusto che il voto del referendum sia separato dal voto delle amministrative. Sono due cose diverse che necessitano di voti disgiunti. La democrazia ha un prezzo.”
      Non capisco come mai sostieni una cosa del genere. Dove sarebbe la mancanza di democrazia nel permettere di votare sia per le amministrative che per i referendum in un’unica soluzione? Si obietterà che l’uno è strumento di democrazia rappresentativa, l’altro di democrazia diretta…ma sinceramente non ne vedo un gran pregiudizio per la mia democratica libertà di votare come e quando voglio, questo o quel rappresentante, questa o quella diretta opzione che mi offre il referendum. O no? E’ poi sempre valida la possibilità di non aprire neppure la scheda delle amministrative e votare solo per i referendum e viceversa, a seconda di gusti e preferenze.
      Invece io purtroppo nella decisione della data ci vedo solo un chiaro tentativo di scoraggiare l’affluenza al voto piazzando in uno degli ultimi giorni utili, in principio di stagione estiva, questa tornata referendaria. Di chiara importanza per il popolo italiano, di chiaro pericolo per questo governo. Se tiriamo in ballo anche la questione dei 300 milioni spesi “in più” direi che il comportamento di questo governo ci presta chiaramente il fianco per essere ulteriormente criticato: APPROFITTIAMONE! Il nostro spirito democratico credo rimanga tollerabilmente intonso.

  2. che strano….i vari cantautori verdi & company che tanto hanno blaterato su questo blog sono restati in silenzio davanti a questa constatazione? Ma allora lo slogan finale dell’artico “ROMA LADRONA LA LEGA ORMAI PERDONA” ha un qualche fondo di verità?

  3. Il non aver permesso di accorpare in un’unica giornata le votazioni per le elezioni comunali e per i quattro referendum ha invece a che fare con la democrazia.
    La decisione e’ stata unicamente ispirata dalla paura che gli italiani si presentino numerosi anche per esprimere il loro no al nucleare. Evitando l’accorpamento delle due diverse votazioni si fa’ un danno all’erario, all’intelligenza ed alla democrazia italiana.
    Gli elettori se lo ricorderanno alle amministrative. Spero che il responso delle urne sia uno schiaffo esemplare all’orgoglio leghista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: