• Meta

  • CDR del Blog

  • Allo studio, alla lotta

  • Gadgets GC

Vendola c’è, ma SEL cos’è? Dov’è?

Vendola, che possa piacere o meno, che possa ispirare la speranza di una rivincita a sinistra o che non lo faccia, è comunque una realtà di successo e non si può negarlo. Io personalmente non so quanto Vendola possa cambiare le cose dato che mi pare che per lo più tenti di prendere atto delle condizioni attuali e anzi che ne prenda atto piegandole a suo favore, ma senza cambiarle. Facciamo qualche esempio: Vendola desidera stringere alleanza con il PD e desidera essere appetibile per l’elettorato del PD, e ci riesce almeno nella seconda ipotesi mostrandosi poi non così tanto di sinistra ma piuttosto di un centro sinistra non ben definito che non rifiuterebbe neppure l’UDC per anni serva di Berlusconi, oppure come l’uomo nuovo della politica, piaccia a chi piace; sicuramente non comunista, non più! Uomo nuovo…?! Vendola per chi avesse poca memoria storico-politica fu iscritto alla FGCI fin da giovanissimo, dall’85 fu nella Segreteria, fu per circa 20 anni in Rifondazione Comunista e quindi parte nel bene e nel male di ogni scelta del nostro partito, a maggior ragione essendo nella corrente bertinottiana, fu nella classe dirigente della Sinistra Arcobaleno, esperimento politico presentatosi alle urne nel 2008 prendendo una batosta storica. Eppure presentava un simbolo senza ne falce ne martello, raccoglieva Rifondazione e il PdCI, Verdi e Socialisti, la Sinistra Democratica, doveva avere un 12% almeno e invece raccolse un misero 3,4% che non gli valse neppure l’ingresso in Parlamento. E Vendola c’era: quindi senza attribuirgli più colpe di quelle dovute, gli si può però dire che mettere la testa sotto la sabbia proclamandosi “Il nuovo” della politica non è certo un comportamento corretto. E poi c’è il fatto che il successo di Vendola sia dovuto sì alla sua capacità di parlare in modo ricco e affascinante, al suo fare politica in modo esteticamente succulento, ma non dimentichiamo che se i media non si fossero messi ad abbracciarlo ed esporlo a destra e a manca Vendola sarebbe ancora il finocchio pugliese comunista con l’orecchino.

Ma vorrei arrivare ora al mio reale intento: parlare non di Vendola, ma di SEL (con Vendola).

SEL cos’è? Era un movimento, dopo il Congresso di qualche mese fa dovrebbe essere diventato un partito, ha strutture burocratiche nazionali e territoriali. Ma… non si può negare che possa apparire ai più come un gigantesco Social Network in sostegno spudorato e acritico nei confronti del leader. Io non vedo nei sellini un senso di appartenenza al partito inteso come essere primo e collettivo dell’azione politica: io vedo in loro un atteggiamento da veri e propri fan nei confronti di chi quel “partito” lo ha tirato su, ovvero Vendola. “Vai Nichiii” oppure “Nichi siamo con te”. Io, che mi riconosco in Rifondazione Comunista, nella Federazione della Sinistra e nei Giovani Comunisti, non mi vedrei dopo un’intervento congressuale di Paolo Ferrero a fare del tifo da stadio; sicuramente in modo lucido approverei o meno le sue parole, e sicuramente ne trarrei voglia ancora maggiore di essere militante e parte integrante di quel meccanismo che è il partito. Questo plebiscitarismo, questo unanimismo in favore del leader, questo leaderismo appunto, è realmente ciò di cui l’Italia ha bisogno? Purtroppo non è un atteggiamento esclusivo di SEL… Basti vedere l’IdV per certi versi con il loro amato Tonino e sicuramente il PDL con “Meno male che Silvio c’è” e via vomitevolmente elencando.

Questa è succosa ed è fresca fresca: “SPERIAMO SOLO IN TE! sennò dov è la sinistra….” E’ un commento raccattato per caso, e sintetizza e rafforza benissimo il mio pensiero. Come se realmente un uomo solo potesse essere in grado di risolvere i mille problemi che opprimono la cultura, la cultura di sinistra, la sinistra in Italia e l’Italia. Io di uomini della provvidenza nella storia ne ho visti un po’ e ne ho abbastanza le tasche piene.

Ancora di più che qua si tratta di un uomo solo e veramente solo, accerchiato per lo più di folle osannanti che da militanti. Dov’è SEL nei territori? Cosa fa SEL nei territori? Qua ad Asti che io sappia non fa quasi nulla e mi fa un po’ orrore pensare che molto probabilmente alle prossime elezioni, di qualsiasi livello saranno, probabilmente SEL ad Asti grazie all’effetto Vendola supererà la Federazione della Sinistra che invece per quanto può è attiva, si muove, ha militanti ed è radicata nell’astigiano.

Sono stato un pò duro, me ne rendo conto, io sono per la terapia d’urto. Spero che nasca una bella e costruttiva discussione e magari riuscirò a smussare qualche angolo e mi scioglierò strada facendo. A presto!

Nicolò Ollino

Annunci

31 Risposte

  1. Vendola è un filosofo sa convincere le persone…Io sono militante nella federazione della sinistra di Palermo e se devo essere sincero Ferrero non ha le stesse qualita di Vendola (mi riferisco a qualita filosofiche non altro) ma abbandonare la falce e il martello per me è impossibile e di questo ne vado fiero. Vendola ha scelto la sua strada invece penso che non dovremmo occuparci tanto del successo di SEL che in Italia puo fare solo del bene impegnamoci a far crescere il nostro partito senza guardare quello degli altri
    saluti rossi compagni

  2. caro, noi non siamo Partito classico!
    sono uscita da Rif. proprio perchè la forma Partito è vecchia e inopportuna!
    gli strumenti del comunicare sono diversi. il linguaggio deve essere nuovo.
    Nichi è l’unica figura in grado di costruire l’unità della sinistra partendo da questioni reali e concrete!
    Basta guaradre il laboratorio pugliese!
    non è l’uomo della provvidenza.
    è il compagno necessario!

    • Costruire l’unita della sinistra con chi ?? col PD ?? la sinistra è da ricostruire totalmente e mi sembra che Paolo Ferrero ci abbia mandando 2 video lettere a Vendola senza ricevere risposta. Il problema è che in TV i comunisti (quelli veri) sono censurati

    • scusa se te lo dico ma siete talmente convinti di non essere un partito classico che poi forse finite pericolosamente per non essere neppure proprio un partito. Non basta un comitato elettorale pro-Vendola permanente, capisci Chiara?
      Comunicare diverso? Linguaggio nuovo?
      I lavoratori ad esempio, “questione reale e concreta”, parlano sempre lo stesso linguaggio e vengono sfruttati come non succedeva da 40 anni, tutt’altro che novità!
      Io spero che Vendola e ciò che vuole rappresentare, sicuramente un’Italia più sana di quella che vediamo,continuino il loro successo ma a determinate condizioni. Se vuoi te le posso anche dire…

  3. Da persona di sinistra credo che Vendola possa rappresentare qualcosa di nuovo, non nell’età ma nei modi.
    Ritengo però che il partito personale non si addica alla sinistra perchè prima delle persone noi vogliamo le idee.
    Mi piacerebbe sapere cosa prova un iscritto a SEL perchè non vedo l’iscritto partecipe e soprattutto non lo vedo “parte di un qualcosa” che è il punto principale dell’azione e soprattutto dell’entusiasmo di un militante.
    SEL non è un partito ma un plebiscito di tutti i giorni.

  4. SEL è Nichi. Nichi è SEL !il resto non conta, sono chiacchere!
    Usciamo da quelle cazzo di sezioni puzzolenti di stantio andiamo per le strade, parliamo con le persone, basta comitati politici, segretrie e altre coglionate di questo tipo, che servono solo a spartirsi cariche e poltrone ( peraltro ormai vuote!).
    I partiti sono stramorti, sono vecchi.
    occorre un modo nuovo di fare politica!
    Sel rappresenta questo!
    io la voterò! .
    vedo e sento i ragazzi, sento l’entusiasmo che hanno i militanti di SEL, le cose innovative che fanno, il consenso che raccolgono!

    • Ti sei dimenticato “FORZA PANINO”!
      Trovo questo commento agghiacciante e mi ricorda pari pari un qualsiasi commento dei Grillini quando parlano del loro Dio.
      Che palle.

      • Io ti dirò che quasi fino alla fine non avevo capito se era una persona che parlava seriamente o se era uno che stava facendo l’imitazione/caricatura di un vendoliano esagerato… Era la seconda cosa

    • cosa fate, cosa dite, vi avvicinate alla gente’ o vi avvicinate ai soldi e al potere, siate onesti, ladri, magnacci

  5. Credo che non ci debba essere per forza una “faccia nuova” ma un’idea nuova per cambiare le cose in questo paese.
    Credo che Nichi rappresenti il riscatto morale, culturale ed ideologico di una sinistra che in Italia sta perdendo i pezzi.
    Credo che Nichi sia il leader carismatico che la sinistra da tempo aspettava, il cosidetto “papa nero”, un uomo:
    che rappresenta come si può essere di sinistra senza essere comunisti;
    rappresenta come si possa essere credente ma nello stesso tempo essere di sinistra e gay;
    rappresenta come si può essere credibili nonostante porti l’orecchino e sia omosessuale;
    rappresenta come la cultura possa piegare il potere, il populismo e il pensiero unico che inesorabilmente sta pervadendo il paese.
    Credo che Nichi è colui che può permettere una coalizione di sinistra, vincere le primarie ed imporsi come punto di riferimento per tutta la “nuova sinistra” Italiana ed Europea.
    Nichi è riuscito ad aumentare i consensi, passando da un misero 1,5% al 6,5% di adesso; è riuscito a farsi strada nonostante una televisione padronale ed una stampa piegata molte volte ai partiti in parlamento.
    Pascoli diceva che “il sogno è l’infinita ombra del vero” (Alexandros).
    Questo pensiero io lo condivido, la realtà non sarà mai bella come noi la sognamo.
    Ma dobbiamo stare immobili in balia della storia?
    Io spero lo stesso che “un altro mondo è possibile” magari non giusto e bello di come noi tutti ce l’abbiamo nel cuore ma comunque migliore di questa realtà piena di discriminazioni, ignoranza, ingiustizie e disuguaglianze sociali.
    E’ lecito quindi continuar a sognare, perchè è solo partendo dai grandi sogni, dai grandi ideali che si può cercare di riscrivere la storia contemporanea.
    Nichi è la luce che in questo buio culturale e morale fa si che la sinistra continui a sognare un altro mondo.
    Ciao!

    http://www.ceunitaliamigliore.it/manifesti/ceunitalia-9314/

    • Bello l’inno a Nichi!!!
      “Credo che Nichi sia il leader carismatico che la sinistra da tempo aspettava, il cosidetto “papa nero”,”
      Anche Obama doveva essere il papa nero e l’alternativa negli Statea…… ed invece?! Soldi a chi gli ha finanziato la campagna elettorale compresi i signori delle armi!
      “Nichi è riuscito ad aumentare i consensi, passando da un misero 1,5% al 6,5% di adesso; è riuscito a farsi strada nonostante una televisione padronale ed una stampa piegata molte volte ai partiti in parlamento.”
      Mai fidarsi dei sondaggi! Gli ultimi di cui mi sono fidato davano la sinistra arcobaleni tra il 7% e il 10% e sappiamo tutti come è finita….calci in culo e fuori dal parlamento e Nichi era tra i maggiori sponsor dell’iniziativa.
      E’ riuscito a farsi strada nonostante una televisione padronale? O.K. sulla televisione padronale…. ma sembra che il buon Nichi ne sia un ottimo frequentatore, salottiero come il vecchio Bertinotti; a me pare che gli unici ignorati siamo noi comunisti che veniamo decisamente e scentemente cancellati e oscurati, il buon Nichi partecipa assiduamente….
      “che rappresenta come si può essere di sinistra senza essere comunisti;”
      ma allora è proprio un peccato mortale essere comunisti? A me pare di no, orgoglioso di esserlo, al massimo posso dire che Nichi sta entrando a vele spiegate nella schiera di coloro che rinnegano il proprio passato in buona compagnia di Veltroni, D’Alema e company; d’altra parte questa tentazione l’ha sempre avuta, non dimentichiamo che in un passato neanche tanto lontano “baciò” il rospo Dini, ora felicemente accasato con il PdL, sostenendo il suo governo pur facendo parte di Rifondazione… e con lui Berttinotti on usò lo stesso metro che sarebbe poi stato usato con Turigliatto.
      Insomma alla faccia dell’uomo nuovo e del salvatore della sinistra.
      Detto questo sempre pronto a confrontarmi con gli amici di SeL sui fatti concreti e sulle azioni giornaliere ma basta con questo mitizzare le persone!!! Cerchiamo di fare politica in modo serio!!!

  6. Bell’articolo.
    Bellissimo il “Speriamo solo in te”:
    Già che “speri” poi “solo” e ancora “in te”, ma lasciamo perdere i fun.
    Vendola è quello che si è inginocchiato in adorazione di frone alla salma di Padre Pio. “Padre Pio”!!! Un cialtrone truffatore. Ma che ti aspetti da uno così?
    Ma tu uomo di chiesa, che spiritualità credi che abbia uno così?
    Vendola è passato da Comunista a papabile per il PD. Che cos’ha abbandonato in questo passaggio?
    1- L’ideologia comunista
    2- L’anticapitalismo
    3- Cambiare la società

    Uno che abbandona le proprie idee in cerca di potere come lo chiamate?

    Quando Vendola sarà a capo del PD e non cambierà nulla ve ne accorgerete o ne parlerete ancora bene come con Obama?

    sciààà

  7. SeL è un partito appena nato ed in via di sviluppo, quindi son quasi certo che nei primi mesi, approfittando dell’effetto-Vendola, ci possa essere il rischio che qualcuno troppo interessato alla carriera personale vi entri per un misero tornaconto privato. Tuttavia, l’idea dell’uomo solo al comando non mi convince, innanzitutto perchè non ho mai sentito nessuno urlare “menomale che nichi c’è” o balle varie, e quanto all’acclamazione, beh, non dimentichiamo che anche vecchi compagni come Berlinguer venivano acclamati nei loro comizi, per il valore dei contenuti dei loro discorsi quanto per la passione che ci mettevano, nel parlare e nell’agire. Io sono intellettualmente simpatizzante di Vendola, sono andato ad ascoltarlo quando è venuto a Torino a novembre, ma non mi son mai comportato come se fosse un maestro che sparge verità inconfutabili. L’unica cosa che posso dire è che in questo panorama Vendola rappresenta l’unica possibilità di creare una sinistra con i contenuti e soprattutto di governo, aspetto quest’ultimo non indifferente perchè per cambiare le cose non si può essere solo partiti di lotta, come la Federazione si ostina ad essere a mio modesto parere. Chi vivrà vedrà, se sarà valido va premiato, sennò verrà scartato anche lui. Quanto a falce e martello, personalmente ritengo che sia un aspetto minimale all’interno dell’intera polemica: non voto un partito per i suoi simboli, ma per i principi con cui intende regolare la società, e se il simbolo di quel partito non è falce e martello non ne faccio un dramma… quel simbolo rappresenta un importante passato, fatto di luci ed ombre, ma del passato non si può rimanere prigionieri limitandosi a conservarne le tradizioni come se i tempi non fossero cambiati e non ci fosse bisogno di nuove risposte a nuove domande, che Marx stesso nemmeno aveva considerato.

  8. Io penso alla differenza sostanziale tra SEL e i partiti comunisti. Un vero partito comunista punta ad una soluzione definitiva, ad una società giusta, attraverso processi lunghi. Vendola invece fa suoi gli ideali socialisti ma solo per ottenere dei piccoli miglioramenti della società a breve termine.
    In Puglia non sta redistribuendo il capitale, ma sta aprendo all’open source e alle energie rinnovabili, sta migliorando il servizio sanitario, sta aprendo agli altri Paesi, … sta un poco migliorando la sua terra.

    E’ vero che le teorie Marxiste dicono (circa…) che la via al comunismo è il risveglio delle masse e assolutamente non il compromesso (ovvero un Vendola rischia di allontanare il comunismo tenendo buone le masse, facendole ingoiare i rospi in cambio di un po’ di benessere), ma è anche vero che il passato smentisce queste.
    Finora ogni comunismo è stato anticipato da un Kerensky. Come esempi vi cito Kerensky appunto che ha fatto da battistrada a Lenin e Frei ad Allende.
    Nichi Vendola può essere il Kerensky italiano. Un uomo che migliora le condizioni a breve termine, che sostituisce democraticamente lo Zar o chi per lui (forze reazionarie in genere) unendo forze riformatrici, popolari e cattoliche.
    Seguendo Gramsci, Vendola (in quanto mix di socialismo, cattolici, popolari e semiriformatori) può essere colui che “fa quello che il comunismo non potrebbe: amalgama, ordina, vivifica e si suicida”, portando altri piccoli benefici, e un po’ di moralità, alla società.

    Secondo me non è sbagliato votare Vendola (anche se effettivamente la cosa non mi convince al 100%), per avere miglioramenti a breve termine, e intanto lavorare assieme ai comunisti quelli veri per un progetto che porti a un miglioramento definitivo della società.

    Spero di avere un feedback da voi, scoprire cosa ne pensate di questo mio pensiero.
    Ciao.
    Vi seguo sempre, auguri e complimenti per il vostro lavoro.
    🙂

    • Rileggendo… ho detto cose false scrivendo “ogni comunismo è stato anticipato da un Kerensky”. Volevo dire che un comunismo democratico e “maggioritario” sembra dover esser anticipato da un Kerensky. Scusate.

    • Cos’è un feedback? 🙂

      Per quanto riguarda il votare Vendola ho già detto perchè non mi piace sopra.

      Per la questione “Kerensky”,che mi avevi già spiegato, sono d’accordo con te. Purtroppo non vedo in Vendola un possibile Kerensky, come non lo vedo in Obama e anche come non vedo Lenin tra noi comunisti. Resto dell’idea che nel periodo in cui ci troviamo
      (vedi il secondo referendum FIAT passato senza problemi)
      bisogna lottare ed essere uniti per cambiare le cose.
      Ci sono problemi che sono comuni a tutti e con tutti bisogna lottare. Ci sono problemi che vediamo o percepiamo solo noi per cui dobbiamo lottare ancora di più sapendo appunto di essere pochi.

      Grazie PPiG per il commento.
      Ci vediamo per gorgonzola? 😉

    • Buona analisi, una perplessità in particolare:
      votare Vendola e militare con i comunisti? Con questa logica si rischia presto di tagliarsi le alternative, poichè i comunisti in questo modo scomparirebbero temo.
      E poi non sarebbe un pò ipocrita con se stessi, equivalendo in sintesi ad un riconoscimento della superiorità progettuale e organizzativa dei comunisti?

      • Il discorso sul votare uno nel quale non si crede fino in fondo suona ipocrita pure a me, e il mio commento non è una dichiarazione di voto.

        Diciamo che ho voluto sottolieare la possibilità di Vendola di stare a suo agio in una alleanza di Governo democratica-democristiana-altraroba ottenendo anche qualche risultato.

        Nello scorso autunno ho sentito parlare di un eventuale appoggio esterno al Governo (ovvero senza ministeri né cariche) dei Comunisti a un eventuale Governo di centro-sinistra. Seguo con interesse l’evoluzione di questa idea.

        Ciao!

        @ Palotto:
        Concordo e plaudo al finale del tuo commento. Credo che in futuro, all’occorrenza, la citerò!

  9. premetto: vendola non mi covince…per quanto riguarda il rischio di sparire…beh, non serve vendola. stiamo facendo tutto da soli. o meglio…se ne stanno occupando i vari giannini e diliberia ops diliberto

  10. Cari compagni, mi scuso fin da subito perchè il mio commento sara assolutamente slegato da tutti gli altri commenti precedenti, poiche onestamente non ho tempo, e forse anche poco voglia, di leggerli tutti, mi limitero quindi a commentare l’articolo, e alle eventuali discussioni che ne seguiranno.
    Io a differenza di molti altri compagni non disprezzo affatto ne Sel, ne soprattutto Vendola.
    Partiamo dall’inizio. Vendola non avra sicuramente il merito di essere spuntato dal nulla, il che lo ritengo oltremodo normale, anche se in generale ne vedo pochi. Lo critichiamo perche era nella classe dirigente bertinottiana di rifondazione, da tempi forse immemori. Ma non era l’unico, anche il nostro segretario attuale era ben dentro la classe dirigente di allora, tant’è che quando Bertinotti fu Presidente della Camera, lui era Ministro. Devo precisare ancora un’altra cosa, molti disprezzano bertinotti, io invece devo ammettere che bertinotti non mi dispiace affatto, e devo riscontrare che molti che erano dei sostenitori di bertinotti da sempre, di colpo dopo la sconfitta elettorale lo hanno demonizzato come causa di tutti i mali, e delle sconfitte di rifondazione. Ora io ritengo che se rifondazione è riuscita a raggiungere i risultati elettorali che ha raggiunto, è merito suo, ma non perchè lui fosse colui che dettava sempre le linee guida e gli altri ubbidissero ai suoi dettami, ma perche lui riusciva a farsi portavoce e farsi apprezzare. Riconosco che siano stati fatti degli errori, quali scegliere la poltrona, o non aver fatto in modo che ci fossero altri riconosciuti oltre a lui. Cosi ritengo che Vendola stia sbagliando alcune posizioni, sia chiaro, non etichettatemi come vendoliano perduto, o simil, di sicuro pero come bertinotti ha il pregio di riuscir ad apparire e farsi notare, cosa che ahimè non ritengo sia caratteristica di Ferrero, che per giunta a livello politico ha le stesse colpe di vendola sulla sinistra arcobaleno &co. Vendola poi secondo me ha commesso l’errore di uscire da rifondazione quando non è stato scelto come segretario, anche se effettivamente ritengo che quello che era il suo progetto di fare un partito che unisse tutta la sinistra fosse un buon progetto, non tanto perche ci avrebbe fatto prendere piu voti, ma perche saremmo stati piu credibili.
    Ora capisco che il mio commento sia confusionario, ma devo precisare che è il motivo per cui non mi piace discutere attraverso il blog, ora pero passerei a parlare piu precisamente di Sel.
    Se inizialmente il gruppo di persone uscite da rifondazione per confluire in Sel era molto esiguo, e principalmente fatto da dirigenti e pochi militanti, bisogna ammettere che si è ampliato in breve tempo, se come sembra adesso conta circa gli stessi iscritti nostri.. Da noi sono assenti è vero, ma chi era della mozione a lui facente capo? Prima di tutto una minoranza, e poi persone che hanno ritenuto che vendola sbagliasse ad uscire dopo aver puntato all’unita.
    C’è pero da dire che la stessa situazione non si puo riscontrare in altre parti d’italia.. Era vercelli che in piemonte ha visto un’uscita di massa? Ce lo diceva poi Oggionni che effettivamente in molte parti si è sentita la scissione, e soprattutto al sud dove l’adesione alla “2” era maggiore.
    Tutto questo per dire, possiamo non apprezzare Vendola in se, e anche Sel, ma non mettiamoci a criticare tanto per.. Soprattutto perche è un gruppo con cui io collaborerei molto volentieri, ma potrebbe succedere che un giorno saremo obbligati ad aprire anche a sel, come siamo stati “obbligati” a farlo con la federazione…

    Edo
    ps mi scuso per eventuali errori, e la difficile comprensione del mio scritto.

    • Bene il commento di Edo, lungo e ricco.
      Io però non vorrei passare per vecchio borbottone (in modo assolutamente gratuito poi…) anti-vendoliano. Io se talvolta, spesso, lo critico penso di avere motivi che vanno ben oltre la semplice divisione partitica, le differenze di vedere la società e le prospettive di operare all’interno di essa per cambiarla, ecc ecc.
      Sul conto di Vendola ho cambiato opinione solo negli ultimi 6 mesi diciamo. Prima pensavo anche io che tra noi di Rifondazione (e quindi come Federazione) e SEL si sarebbe potuto costruire un tandem di forze di sinistra per (ri)costruire la sinistra, con programmi di sinistra, intenti di sinistra. Bando a leaderismi e tendenze stomachevolmente subalterne al PD. Invece… mi sono dovuto in buona parte ricredere.
      La verità è che siamo rimasti per lo più soli in questo arduo compito, tant’è che al momento non penso di dire una cavolata se ritengo l’Idv (per alcuni aspetti, forse per intelligenza politica e forse per opportunità) alla sinistra di SEL.
      Vendola che vuole fare?

      Prendiamo Napoli: dirigenti partenopei di SEL che per logiche di potere, volendo sostenere Morcone, rischiano di concretizzare il primo grande strappo con la base che invece è molto orientata verso De Magistris. Sostenuto da FdS e IdV, verdi e varie civiche. Progetto della sinistra di alternativa vincente! Perchè Vendola e SEL temporeggiano così tanto?

      Ma prendiamo pure Milano: Pisapia, candidato sostenuto da FdS e SEL vince! Fantastico! La sinistra ha la vittoria a portata di mano a Milano, tempio del capitalismo. Che fa quindi la FdS? Propone una lista unitaria a SEL, “Sinistra per Pisapia”, per contare di più e avvicinare l’idea di una sinistra unita e più forte. Che dice SEL? “Ehm..no grazie, noi corriamo da soli!” Alla faccia dell’unità!

      Poi tornando al passato, non mi è piaciuto come neanche a te, l’atteggiamento di Vendola sconfitto al Congresso che spariglia la carte, rovescia il tavolo e se ne va portandosi via Consiglieri e Assessori, mettendosi alle spalle il comunismo e banfandosi di essere più “presentabile” della falce e martello! Ma non sono i tuoi compagni di ieri? Ma la cosa che mi ha dato più fastidio è che il motivo di facciata che ha dato è stata la carenza di democraticità del partito che voleva sostituire Sansonetti alla guida di Liberazione. Sansonetti fece sprofondare il giornale quando ancora Rifondazione era forte, ci indebitò fino al collo. Poi si è vista la fine che ha fatto Sansonetti… dal difendere la libertà di parola di Casa Pound nelle università al riabilitare il “boia chi molla”, o qualcosa del genere. Ne valeva la pena Vendola? Il suo 8,5 % costruito sulla sabbia ci direbbe di sì, ma il Vendola uomo che ci direbbe?

      Le porte per le liste unitarie, le porte per l’alternativa a sinistra sono sempre aperte per conto nostro. Ne approfitterai un giorno finalmente? Napoli, Milano e molti altri casi, ce li lasciamo dietro le spalle Vendola? Ciao!

  11. Vorrei dire a tutti coloro che commentano sulle qualità e capacità di Nichi.Posso fare osservare che non ci sono nei partiti di sinistra, dirigenti e segretari,uno solo, che abbia una preparazione culturale all’altezza di Nichi.Affascina quando parla,ha carisma,nobiltà d’animo ed è principalmente di irreprensibile moralità.Se ne avessimo tanti Vendola al governo,potremmo assicurarci una immediata benefica trasformazione della nostra Italia.Chi scrive,ha conosciuto nei decenni passati la vera politica,quella seria politica che ci distingueva dalle altre Nazioni.

  12. Sulla preparazione culturale non sono proprio d’accordo, infatti se penso a Ferrero non ha nulla da invidiare.
    Su Vendola continuo a farmi sempre la stessa domanda:
    Ma cosa ci si aspetta da un uomo che si inginocchia di fronte alla salma di padre Pio?
    “Padre Pio”!!! Un cialtrone truffatore.
    Spiritualità o convenienza?
    Se è spiritualità sei un boccalone, se è convenienza… com’è che si dice?

    Chi scrive conosce poco la vera politica.

  13. Un vero esempio di eleganza borgheziana……un alto argomento politico…..come le ho già detto la pattimiera della storia vi attende; la gente si sta stancando della Roma ladrona la Lega ormai perdona!

  14. This really is the third blog, of your blog I personally read through.
    But I personally love this 1, Panel Curtains “Vendola
    cè, ma SEL cosè? Dovè? | Giovani Comunisti di Asti” the best.

    Thank you ,Jessica

  15. “Vendola cè, ma SEL cosè? Dovè? | Giovani Comunisti di Asti” honestly got me personally simply addicted with your internet page!
    I actuallywill probably be returning far more
    often. Thanks a lot ,Sienna

  16. It seems u actually fully understand plenty
    pertaining to this specific subject matter and it
    all shows thru this excellent posting, titled “Vendola cè, ma SEL cosè?

    Dovè? | Giovani Comunisti di Asti”. Thx -Karri

  17. “Vendola cè, ma SEL cosè? Dovè? | Giovani Comunisti di Asti” definitely got myself addicted with ur internet page!
    I reallywill certainly be returning even more often.

    Many thanks -Fern

  18. Exactly what really moved u to publish “Vendola cè, ma SEL
    cosè? Dovè? | Giovani Comunisti di Asti”?
    Itruly enjoyed reading the post! Thanks ,Alberto

  19. “Vendola cè, ma SEL cosè? Dovè? | Giovani Comunisti
    di Asti” was indeed a pretty nice article, . Continue publishing and I’ll try to keep reading! Thanks for your effort ,Alicia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: